Trasforma la sofferenza con la meditazione

Un vecchio si lamentò con Buddha; “Io sono vecchio; affetto da diversi disturbi. Sono triste.” Buddha lo consigliò: “Anche se il tuo corpo è malato, lascia che la tua mente non sia malata! (…) La natura del corpo è questa e non può essere altrimenti. Essendo nato, il tuo corpo invecchia e si ammala e infine muore. Quando il tuo corpo comincia a cedere agli assalti del tempo, non opporre resistenza; ma non lasciare che la tua mente si deteriori insieme a lui. Mantienila separata. Nutrila con l’esperienza diretta della verità, delle cose così come sono. La sofferenza non deriva dal corpo, ma da un modo di pensare sbagliato. Quando si vedono le cose in maniera distorta, la confusione è inevitabile”.

Lascia allora che la tua mente si accompagni semplicemente al respiro, a un mudra o a un mantra. Qual è il momento giusto? E’ sempre l'”adesso”. Non lasciare che la tua mente si deteriori e resti imprigionata nel tuo corpo, sano o malato che sia, che rimanga ancorata al passato o al futuro, ancora per giorni, mesi o anni. Nella tradizione dello Yoga, ma non solo, si dice: yatho mana, tatho prana, dove va la mente lì scorre anche la tua energia.

Se lo desideri puoi prenotare un incontro conoscitivo, anche telefonico, per frequentare gli incontri individuali o di gruppo in presenza oppure online. Scrivi a: info@claudiaboni.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...