Quale tipo di yoga?

Spesso mi viene chiesto: “Quale tipo di Yoga stiamo praticando?”

Abbiamo sempre un gran bisogno di dare nomi, qualifiche, di confrontarci con amici che praticano altri tipi di yoga, di appartenere a gruppi definiti… e l’esperienza personale dove la mettiamo?

Buddha stesso esortava i  suoi discepoli a non fare qualcosa solo perchè lo diceva lui, ma di sperimentarlo in prima persone e solo se lo si trovava di beneficio allora era bene continuare per quella via, altrimenti erano liberi di scegliere altre strade e altri maestri.

Credo non sia così importante etichettare con un nome, quanto ascoltare l’esperienza che stiamo facendo, il risultato che otteniamo, non in una settimana, ma in mesi e anni di pratica.

Io provengo dall’Hata Yoga classico che praticavo a 25 anni, sono passata per la Yogaterapia che ho incontrato svariati anni dopo, la Meditazione buddhista, lo Yin Yoga, la Medicina Tradizionale Cinese e lo Shiatsu (questo il mio CV). Nel frattempo ho trasformato e variato la mia pratica di Yoga più e più volte: durante le due gravidanze, e ancora più tardi  con la menopausa. Alcuni traumi e problemi fisici mi hanno costretto a modificare  talvolta ancora le modalità della mia pratica quotidiana e così oggi dopo più di 30 anni, quello che trasmetto non è altro che l’insieme delle mie esperienze.

Praticare Yoga oggi per me significa rallentare, rispettare i propri limiti e ascoltare la saggezza del nostro corpo e  i feedback ricevuti, nutrire l’ energia yin  più femminile e riportare equilibrio attraverso posture tenute più a lungo prevalentemente a terra e con attenzione costante al proprio respiro. In questo modo  la muscolatura  si rilassa e le  contratture possono essere più facilmente  rilasciate, e tutto ciò  favorisce il raggiungimento di strati più profondi riequilibrando così il  tessuto connettivo,  i tendini, le ossa, le giunture e anche i nostri canali energetici (meridiani o nadi).

Nella nostra cultura tendiamo a favorire sempre l’energia yang. Siamo continuamente spinti a raggiungere, accumulare, espandere, accelerare, produrre, acquisire e guadagnare. Tutto questo finisce per lasciarci squilibrati , impoveriti e stressati. A volte anche lo yoga praticato in occidente va in questa direzione, ecco perchè mi sono avvicinata ad uno Yoga più lento e di ascolto, basato sull’esperienza individuale.

Om shanti

Claudia Boni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...